Sito ufficiale dell'Associazione

Bononia Civitas Docta Arte Vivendi



Addio Nardo,
goliarda e rotariano. Medico, musicista, viaggiatore. “Ginecologo jazzista”, come amavi dire.
Padre.
Di ciascuna passione della tua vita ne hai fatto un progetto, ne hai elevato un'arte. E sempre l'hai fatto con la levità del gioco e la cocciuta perseveranza della missione.
In ognuna, hai dato tutto te stesso e chi in qualsiasi momento ti avesse visto nel tuo studio, sul palco, in viaggio o in convivio, avrebbe detto che null'altro per te importasse al mondo; tuttora non sappiamo come hai fatto.
In ognuna hai saputo far crescere altri accanto a te, talvolta oltre te, come solo i grandi caratteri sono capaci.
E in ogni passione hai saputo far vivere una famiglia, e chiediamo scusa alla tua famiglia più intima e cara cui ci stringiamo in abbraccio come lontani parenti, se tanto spesso per noi ti abbiamo reclamato.
Tante volte infatti ti abbiamo cercato, ed era per noi. E tante volte ci hai cercato, ed era sempre per noi.
Alcuni fra noi ti hanno avuto amico, collega, compagno d'avventure: goliardiche prima, professionali o artistiche poi, ma sempre anzitutto umane.
Altri, venuti dopo, di qualcuna di quelle avventure ti hanno udito raccontare la storia, affascinati ed ispirati.
E tanti adesso, ti farà forse piacere saperlo, ascoltano quelli di noi che raccontano ciò che gli hai raccontato.
Te lo possiamo dire: hai arricchito tutte le nostre vite.
Di tutte le altre vite, in questo e negli altri continenti, lo sapevi già. Le vite di chi hai curato, di chi hai istruito, di chi hai donato e di chi ti ha ascoltato suonare. Ma tra una risata e l'altra, ci siamo dimenticati di dirti quanto importante sei stato anche per noi.
Con te abbiamo escogitato burle, siamo stati a casìno, abbiamo applaudito, studiato, suonato, abbiamo cercato, scritto libri, riso e viaggiato.
E ci hai sempre lasciato un posto nella tua cantina, spostando sindaci ed assessori, perché l’avevamo nel tuo animo.
Se così spensierate, Nardo, così liete sono le ore che abbiamo trascorso insieme, perché ora lasci un foro così profondo nel nostro cuore?



(Testo e foto, per cortesia del M.M.C. Magni Magistri Collegium)

IN CANTINA COL DOTT. DIXIE

22 Aprile alle 21,15

In cantina con la Doctor Dixie Jazz Band

Via Cesare Battisti 7b

(Entra)













Compatibile con
                qualsiasi Browser Tutti i diritti riservati.  -  © Bononia Civitas Docta - 2010 - Site Map

Valid HTML
                  4.01 Transitional